passa al contenuto principale
lecose_che_ci_fanno_paura

Il nuovo Social Book Club della Fondazione Museo della Shoah
apre le sue porte agli studenti con l’invito alla lettura del libro
Le cose che ci fanno paura
di
Keren David
Casa editrice Giuntina

Sinossi:

Evie e Lottie hanno quattordici anni e sono le gemelle meno identiche del mondo. Evie è un’esplosione di energia e decisamente simpatica, Lottie è introversa e molto sensibile. Anche le loro vite non potrebbero essere più diverse: Evie passa le giornate a preparare le battute per il club di comicità con la sua amica del cuore, Amina, e a inseguire Luke Braybourne, l’affascinante ragazzo per il quale ha una cotta; Lottie invece si dedica con passione allo studio e gioca a tennis con Saffy, Mel e Topaz, le ragazze più snob della scuola. Ma quando il razzismo busserà improvvisamente alla porta, minacciando la loro famiglia, le due sorelle si scopriranno più simili e unite di quanto immaginassero. Grazie a Noah e Hannah, nuovi amici inaspettati, troveranno poi la forza di guardare in faccia le loro paure e il coraggio di affrontare le sfide più difficili.

La Fondazione Museo della Shoah, al fine di incentivare la lettura e la condivisone di libri tra i giovani studenti di scuola secondaria di primo e secondo grado, ha deciso di aprire un “Social book club”, ossia un ambiente tutto social in cui i giovani lettori possano commentare in forma critica i libri che hanno suscitato maggiormente il loro interesse, aprendo un dibattito fatto di condivisione e scambio di opinioni, attraverso l’utilizzo dei mezzi di comunicazione che più utilizzano nella loro vita quotidiana, come Instagram e TikTok.

Per iniziare abbiamo deciso di regalare il libro Le cose che ci fanno paura, dell’autrice Keren David, docente di scrittura per ragazzi alla City University di Londra.

È un testo che, siamo sicuri, susciterà un enorme interesse perché è ambientato ai nostri giorni e racconta una storia in cui giovani adolescenti, di religione ebraica e musulmana, si trovano a combattere insieme le nuove forme di razzismo ed antisemitismo con cui si confrontano quotidianamente le nuove generazioni di studenti.

Saranno gli studenti stessi, con i loro “post” e le loro “condivisioni”, ad animare il “Social book Club” e avvicinare un numero sempre maggiore di loro coetanei al mondo della lettura. E proprio per incentivare ulteriormente la lettura, il “Social book club” propone anche un concorso a premi tutto da scoprire!

Il progetto è realizzato in collaborazione con la Casa Editrice La Giuntina e la rivista Andersen.

Per aderire, tutti i docenti interessati a coinvolgere i propri studenti nel “Social Book Club” della Fondazione Museo della Shoah devono:

  • leggere il regolamento
  • compilare il form di iscrizione qui sotto
  • invitare gli studenti a inviare la liberatoria firmata dai genitori insieme al contenuto per i socialTutte le scadenze sono riportate nei regolamenti

Vi aspettiamo numerosi!

Modulo di iscrizione

Da effettuare per singola classe o gruppo di lavoro.

    Nome Docente
    Cognome Docente
    Nome Istituto
    Classe

    Numero Cellulare Docente
    Email Docente
    Indirizzo di Spedizione
    CAP
    Città
    Provincia

    Referente per la spedizione (Nome e Cognome)
    Telefono Referente
    Numero copie richieste (1 per studente + 1 copia per il docente referente)

    Note

    Torna su
    Cerca
    Carrello
    Non ci sono prodotti in carrello!
    Continua gli acquisti