Shoah: Direttore Fondazione Museo, mai più discriminazioni

di Redazione – ANSA – 20 novembre 2013
Shoah: lezione direttore fondazione a studenti

“Quando in Germania, nel 1933, compaiono i primi striscioni con scritto ‘Gli ebrei sono la nostra rovina’ inizia un boicottaggio sancito da leggi che colpiscono l’identità ebraica a livello professionale. Poi si inventano nuovi reati. Sono forme di discriminazione non molto diverse dai cartelli apparsi in tempi recenti nell’Italia settentrionale contro i meridionali con scritto ‘non si affittano case ai terroni’. Questi sono gesti che riguardano tutti e che oggi stanno investendo anche i migranti. Voi giovani non dovete fare più accadere fatti come questi”. E’ il messaggio rivolto agli studenti del liceo Meli di Palermo da Marcello Pezzetti, direttore della fondazione Museo della Shoa di Roma.

Una lectio magistralis su cos’è l’antisemitismo oggi e durante la quale e’ stato proiettato il filmato “17 anni per Auschwitz”, realizzato dal liceo Meli e presentato il progetto ‘testimonianza’, a cura dell’Unar. “Il liceo Meli di Palermo – ha detto Cecilia Cristaudo, dell’Unar – rappresenta la prima delle 4 tappe di un percorso articolato che interesserà altre scuole del Sud”. “Ricordare il processo storico che porto’ dal pregiudizio sullo straniero all’involuzione autoritaria e’ importante – ha detto Vito Lo Monaco, presidente del centro studi Pio La Torre – specie oggi, di fronte ai nuovi antisemitismi che si stanno registrando in Europa e in nome dell’antimafia, contro ogni forma di violenza e prevaricazione e in difesa dei nuovi stranieri, i migranti”. “Dobbiamo evitare il rischio che il racconto sulla Shoah diventi inafferrabile – ha aggiunto il preside Salvo Chiaramonte – comprendere le peculiarità delle minoranze e affrontare le radici del pregiudizio sono sfide di una società pluralista”